A.I.P.A. - Associazione Interprovinciale Allevatori di Nuoro Ogliastra

 

L'Associazione Allevatori di Nuoro e Ogliastra, già Associazione Provinciale Allevatori di Nuoro, costituita il 29 luglio 1969 presso la Camera di Commercio di Nuoro, ha iniziato la sua attività nel maggio del 1970.

 

L'A.I.P.A. è riconosciuta come ente giuridico con il D.P.R.S. n. 97 del 12.11.2007. L'Associazione è aderente all'Associazione Italiana Allevatori "A.I.A.", accettandone lo Statuto. 

Collabora con i Ministeri preposti, con gli Organi Regionali nel quadro delle direttive Regionali, Nazionali, Internazionali. Essa opera nel quadro delle direttive generali dell'A.I.A. ed è Socia dell'Associazione Regionale Allevatori della Sardegna. L'Associazione svolge la sua attività in tutti i Comuni facenti parte della vecchia Provincia di Nuoro, ha carattere tecnico-e­conomico e non persegue fini di lucro. Essa si propone di attuare tutte le iniziative che possono utilmente contribuire ad un più rapido miglioramento del bestiame allevato e o ad una più efficiente valorizzazione del bestiame stesso e dei prodotti da questo derivati.

Per il raggiungimento delle proprie finalità, l'Associazione, tra l'altro: Promuove, coordina e collabora con gli Organi Pubblici e Privati competenti e con gli Istituti di ricerca e di sperimentazione italiani ed esteri nell'impostazione ed effettuazione di studi, progetti e ricerche diretti a risolvere determinati problemi tecnici ed economici del settore anche tramite l'utilizzo di finanziamenti nazionali ed esteri.

Adempie ai compiti e alle funzioni che, nell'ambito del territorio di competenza e nello specifico settore produttivo, possono venirle demandati da Enti o Autorità locali, nonché nei limiti dell'eventuale mandato conferitole dall'A.I.A., ai compiti e alle funzioni delegati dagli Organi di Governo Comunitario, Nazionale e Regionale o attribuiti da leggi e regolamenti Comunitari all'Associazione Italiana Allevatori medesima.

Provvede all'espletamento del lavoro di miglioramento zootecnico mediante i controlli delle attitudini produttive del bestiame ed i Libri Genealogici; promuove ed organizza, in collaborazione con Organismi Pubblici e Privati, le manifestazioni zootecniche atte a mettere in evidenza i progressi realizzati attraverso la selezione di tutte le specie oggetto di miglioramento.

Promuove, d'intesa con i locali Enti economici e commerciali dei produttori agricoli il sorgere di attrezzature per la raccolta dei prodotti zootecnici, per la loro eventuale trasformazione e per il collocamento dei derivanti. Assiste gli associati e provvede per delega ed esclusivamente a nome degli stessi all'acquisto ed al collocamento sia all'interno che all'estero, di materie prime, di bestiame e di quanto necessario agli allevamenti.

Favorisce d'intesa con i locali Enti economici e commerciali dei produttori agricoli, la formazione di Imprese, Società, Cooperative, Comitati per la valorizzazione e lo smercio di prodotti zootecnici e derivati, e per l'approvvigionamento di materie utili per l'impianto e la gestione di aziende zootecniche.

Promuove accordi onde assicurare agli allevatori un credito a basso costo per l'attuazione di iniziative legate alla produzione animale.

Promuove ed attua l'organizzazione, d'intesa e in collaborazione con la Autorità competente, l'azione di profilassi e di lotta contro le malattie infettive e diffusive del bestiame.

Promuove l'attuazione di forme assicurative contro gli infortuni e la mortalità del bestiame nonché del personale al medesimo addetto e dei rischi contro terzi. Promuove ed attua iniziative rivolte ad elevare il livello culturale tecnico degli allevatori ed alla formazione di maestranze specializzate.

Promuove ed eventualmente organizza congressi, convegni, riunioni, concorsi, ed aste di interesse provinciale.

Assicura, quale organo di rappresentanza dei propri associati la continuità di necessari contatti con gli organi comunitari, sta­tali, regionali, parastatali, le organizzazioni sindacali, qualsiasi altro ente ed amministrazione provinciale interessata. Stipula accordi ed intese di collaborazioni con altre organizzazioni provinciali. interprovinciali e regionali.

Possono essere Soci dell'Associazione Interprovinciale: imprese allevatori, allevatori singoli od associati senza distinzioni di specie e razze di bestiame allevato e di specializzazioni produttive, regolarmente iscritte alla C.C.I.A.A. e titolari della relativa posizione fiscale (partita IVA) che abbiano la piena disponibilità del bestiame rapportato al minimo di 5 (cinque) capi grossi e dei prodotti derivati. Gli allevatori che intendono far parte dell'Associazione Interprovinciale Allevatori devono fare domanda al Comitato Direttivo dell'Associazione dichiarando di accettare incondizionatamente lo Statuto ed allegando la documentazione giuridicamente riconosciuta attestante il possesso degli animali. In tutti questi anni, la zootecnia ha mutato volto. Sono cambiate, in meglio, anche se c'è ancora da molto da fare, le aziende, i sistemi di allevamento, le infrastrutture, le capacità imprenditoriali degli allevatori, l'industria di trasformazione, il tipo ed il modello di assistenza tecnica.

Il mercato è diventato globale, con il sovvertimento dei vecchi sistemi di commercializzazione dei prodotti agro - zootecnici e la diminuzione del potere contrattuale del comparto nei confronti della grande distribuzione organizzata. In questo scenario complesso ed articolato, il ruolo dell'AIPA non è solamente quello di gestire i Libri Genealogici ed i Registri Anagrafici, nel rispetto delle disposizioni contenute nei disciplinari di razza, ma anche quello di concorrere, in maniera sostanziale, al miglioramento delle produzioni delle specie e razze specializzate presenti negli allevamenti, sia in termini quantitativi che qualitativi o di preservare le caratteristiche di razza, come ad esempio nel caso del cavallo del Sarcidano, dell'asino Sardo e di tutte le razza in via di abbandono.

A queste attività misurabili quantitativamente, vanno aggiunte tutte le azioni svolte per ottenere un confronto diretto con le realtà zootecniche più avanzate della Sardegna e d'Italia, tramite la partecipazione a mostre e rassegne.